MI OCCUPO DEL RECUPERO DELLA LANA DI PECORE NOSTRANE PER REALIZZARE OGGETTI, FILATI E ACCESSORI, AFFIANCANDO IL LAVORO DI RIUTILIZZO DI QUESTO NOBILE MATERIALE AD UNA RICERCA SULLE SUE INNUMEREVOLI E ANTICHE TECNICHE DI LAVORAZIONE.

mercoledì 8 febbraio 2012

Il freddo ispiratore...

Giornate di gran freddo, si, ma ci si tiene caldi anche grazie ad una nuova e irrefrenabile voglia di filare tutto e di più! 
E per una pausa da tutto questo movimento rotatorio... cosa di meglio di una tazza di calda lana cioccolatosa? 


La tinta di questa lana in questi giorni di pieno inverno mi ha fatto pensare proprio alla cioccolata, e allora ogni occasione di visita è buona per fermarmi e condividere una tazza fumante di cioccolata fatta in casa in versione rigorosamente vegan! 





Ma anche il paesaggio che posso ammirare dalle finestre mi deve aver ispirato, tanto che è questa la lana che è uscita dal filarino nei pomeriggi di neve:

Il bianco, l'azzurro e qualche spruzzo marrone vorrebbero dare proprio l'idea del ghiaccio sul terreno, delle cime bianche di neve e dei campi in riposo nella campagna invernale.









Il filato è composto da lana locale bianca e marrone naturale e della lana merinos azzurra.
Che dire? Sono proprio fortunata! Con lana, cioccolata e del sano "handspinning", io il freddo non lo sento proprio!